Spiralipesci : impianto microidroelettrico per acque fluenti

Spiralipesci è un “nuovo modo” di pensare un impianto microidroelettrico per la produzione  di energia elettrica da risorsa idrica fluviale. Lo sviluppo del progetto, è iniziato con lo studio dei principali rotori e “turbine” impiegati nei convenzionali impianti idroelettrici, ed in particolare sono state prese a riferimento le coclee idrauliche. Di queste ultime Spiralipesci eredita la geometria elecoidale ed in questo senso ne rappresenta una variante tipologica. Il progetto è costituito da tre parti principali; Una struttura di supporto ancorata al fondo del fiume, in profilati metallici. La coclea, costituita da elementi di grandezza variabile (“pesci” costruiti in lamiera di alluminio) conformati in modo da geneare uno dietro l’altro l’elicoide della turbina. Un “fuso” ermetico nella quale trovano posto i componenti meccanici ed elettrici necessari per la produzione di energia elettrica.

ambientazione, Riviera S. Margherita, Treviso

proiezioni e posizionamento in acqua

Funzionamento: l’enercia cinetica della corrente del fiume aziona la turbina elecoidale, mettendola in rotazone, l’albero della coclea è collegato in serie ad un moltiplicatore di giri ad ingranaggi, quest’ultimo trasferisce il moto ad un generatore magnetico che trasforma il movimento meccanico in energia elettrica. L’energia prodotta viene inviata attraverso un cavo ad una centralina elettrica e poi distribuita alle varie utenze. Spiralipesci funziona a partire da velocità della corrente di 2 m/s.

ambientazione, Riviera S. Margherita, Treviso

ambientazione, Riviera S. Margherita, Treviso

Per rendere piu’ suggestivo il progetto ho pensato di dotarlo di illuminazione notturna con sorgenti a led a basso consumo alimentati dalla struttura stessa. Spiralipesci è un impianto che oltre ad esplicare la sua funzione (produrre energia elettrica) vuole esprimere un valore aggiunto, diventare una “installazione coreografica” che sia da manifesto all’ utilizzo delle risorse rinnovabili. Il progetto è stato sviluppato nel corso di Laboratorio di Industrializzazione e co-design diretto dal Prof. Carlo Gaino.

Modalità di presentazione breve mostra, 3 pannelli formato A1, più modello (dimensioni: Lungnezza 70 cm, altezza 4o cm, larhezza 35 cm.
Fig.6 ambientazione, Treviso

Manuel Mingardo; studente di disegno industriale del prodotto (clasdip) allo I.U.A.V di Venezia
Sede di Treviso – Riviera S. Margherita 74 – +39 0422 547565 info@clasdip.com

 

Comments are closed.